Biografia di Massimo Murru

Ballerini Famosi cenni biografici
Massimo Murro nasce a Milano nel 1971, inizia a studiare danza alla Scuola di Ballo del Teatro alla Scala. Ottiene il diploma nel 1990.
Nello stesso anno entra a far parte del Corpo di Ballo. Viene promosso con la nomina di primo ballerino nel 1994 dopo la sua prima recita come interprete principale in L'histoire de Manon di Kenneth MacMillan
Nell'anno 2003 ottiene inve la nomina di danzatore étoile.
Da allora interpreta alcuni dei principali ruoli del repertorio classico come :
E' inoltre protagonista nei balletti : 
Murru diventa uno dei principali interpreti nei balletti di Roland Petit come:
  • Carmen
  • Il pipistrello con Alessandra Ferri 
  • Notre-Dame de Paris che lo porta a danzare
  • Proust, ou Les intemittences du coeur
Per lui Petit firma numerose creazioni:
  • Chéri, con Carla Fracci 
  • Bolero, su musica di Maurice Ravel
  • Le lac de cygnes et ses maléfices e l'assolo Les feuilles mortes
Il coreografo Mats Ek gli affida il ruolo di Albrecht in Giselle e per il debutto al Royal Ballet di Londra danza il ruolo di Don José nella sua Carmen insieme a Sylvie Guillem. Al Teatro alla Scala è il protagonista nel balletto Daphnis et Chloé di John Neumeier e nella creazione Quartetto firmata da William Forsythe.
Murru oltre ad aver danzato per il Teatro alla Scala, si è esibito anche a Buenos Aires, Melbourne, New York, Sidney, Parigi, Londra, Berlino, Los Angeles, Città del Messico. E' stato molto apprezzato dal pubblico giapponese che ha avuto modo di applaudirlo in diverse edizioni del World Ballet Festival e in produzioni accanto ad  Alessandra Ferri e Sylvie Guillem. Nel marzo 2004 viene invitato alla quarta edizione del Festival Internazionale di Balletto per danzare La Bella addormentata al Teatro Kirov di San Pietroburgo accanto a Diana Vishneva.