Biografia di Maximiliano Guerra

Ballerini Famosi cenni biografici
Nato in Argentina, ha studiato all’Istituto delle Arti del Teatro Colón di Buenos Aires con Wasil Tupin, Mercedes Serrano, Leandro Regueiro e, all’estero, con Woitek Lowsky e Stanley Williams. Dopo aver danzato con il Balletto del Teatro Argentino di La Plata e con la Teresa Carreno Foundation in Venezuela, nel 1985 entra a far parte della Compagnia del Teatro Colón di Buenos Aires. Nel 1988 inizia la sua carriera internazionale, con l’invito di John Clifford a partecipare con il Los Angeles Ballet a una lunga tournée negli Stati Uniti. Nello stesso anno, invitato da Peter Schaufuss, entra a far parte dell’English National Ballet come Principal Dancer e, un anno più tardi, è nominato Senior Principal Dancer.
Nel 1991 passa come Primo ballerino alla Deutsche Oper di Berlino. E nello stesso anno, invitato dal Teatro dell’Opera di Novosibirsk, danza Spartacus di Yuri Grigorovic, diventando il primo ballerino non sovietico a interpretare questa produzione.
Il 1992 segna l’inizio della sua straordinaria carriera come ospite delle più prestigiose compagnie del mondo. Partecipa, inoltre, a una tournée del Kirov negli Stati Uniti e inizia una lunga collaborazione con la Scala di cui è tuttora Primo ballerino ospite principale.
Nella sua carriera si è esibito in tutti i più prestigiosi teatri del mondo:

  • Bolschoi di Mosca
  • Royal Albert Hall di Londra
  • Metropolitan di New York
  • Kirov di San Pietroburgo
  • Kennedy Center di Washington.

Il suo repertorio comprende più di cento produzioni, dai grandi balletti classici sino a quelli d’avanguardia.

Ha interpretato:


E' stato protagonista in numerosi balletti di:


Il coreografo John Neumeier ha creato per lui Nachtskizzen su musica di Béla Bartók e Oscar Araiz, Astor, l’Angelo e il Diavolo e Con gloria morir con musiche popolari argentine.

Riconoscimenti:

  • Grand Prix e Medaglia d’argento al V Festival di Trujillo in Perù
  • Medaglia d’argento all’International Ballet Competition di Varna in Bulgaria


Ha inoltre ricevuto alcuni premi per il suo impegno sociale: The Winners Don’t Use Drugs, il “Riconoscimento Internazionale delle Nazioni Unite”; nel 2000 è stato designato “Messaggero di Pace” dall’Unesco. È considerato dagli esperti internazionali uno dei più importanti ballerini del secolo, per le sue capacità tecniche e per la versatilità artistica nell’interpretazione di ruoli classici e moderni.