Biografia di Marianela Nunez


Biografie di ballerini famosi
Marianela Nunez nasce a Sant Martìn  (Buenos Aires) nel 1982. Inizia a danzare all'età di tre anni e ad otto entra a far parte della Scuola di Balletto del Teatro Colón. Quando compie 14 anni viene invitata a far parte della Compagnia. Danza in tutto il mondo e poi Maximiliano Guerra la sceglie come sua partner per danzare in Italia, Uruguay, Spagna e nel Festival Mondiale di danza che si tiene in Giappone. Successivamente viene invitata come danzatrice ospite sempre con la Compagnia del Teatro Colòn in una tournée mondiale che la porta in Europa. Nel 1998 entra a far parte della Scuola del Royal Ballet frequentando il Graduate Course e alla fine viene scelta per danzare nel balletto Raymonda e La bayadère durante lo spettacolo annuale della stessa scuola. Nella Soirée musicale in occasione del Gala celebrativo dei 100 anni di Ninette De Valois danza nel ruolo principale. Sempre nel 1998 passa alla compagnia del Royal Ballet ed viene nominata Prima ballerina nel 2002.

Nel suo repertorio troviamo ruoli in 
Inoltre è interprete di:
  • Diana e Atteone pas de deux
  • I quattro temperamenti ( Balanchine)
  • Cajkovskij pas de deux (GeorgeBalanchine)
  • The Leaves Are Fading (Antony Tudor
  • In the Middle, Somewhat Elevated (WilliamForsythe)
  • This House Will Burn (Christopher Wheeldon)
  • Monotones I (Frederick Ashton)
  • The Vertiginous Thrill of Exactitude (Forsythe)
  • Agon (Balanchine)
  • Cinderella
  • The Prince of the Pagodas
  • DGV (Wheeldon)
  • La Valse
  • Ondine
  • Dante Sonata
  • Sinfonietta (Jiri Kylian)
  • Myrtha and the pas de six nella Giselle di Peter Writh
  • Voluntaries (GlenTetley)
  • Les Rendezvous
  • La Valse e Homage to the Queen (Ashton)
E' apparsa nelle produzioni televisive interpretando Daphne e Cloé e La fille mal gardée.
La Nunez ha ricevuto il Premio Richard Sherrington come migliore ballerina nell'anno 2005
Ha vinto il Critics’ Circe Dance Awards come miglior ballerina nel 2006.
Nell' anno 2007 interpreta La morte del cigno al The Grand Opera House e successivamente le vengono affidati altri ruoli che a detta della critica sono considerati di forte impatto per la sua straordinaria presenza scenica e le sue interpretazioni.