Biografia di Ismael Ivo


Biografia di coreografi famosi
Ismael Ivo è nato a San Paolo del Brasile, dove ha studiato danza e recitazione vincendo il premio come miglior danzatore solista nel 1979, 1981 e 1982, ma sono New York e Berlino i palcoscenici della sua carriera. Alvin Ailey lo invita a New York nell'1983, dove diventa membro della sua compagnia Alvin Ailey Dance Center. Poi arriverà in Europa, fermandosi a Berlino dall'1985 al 1996, dove collabora con il grande coreografo di teatrodanza tedesco Johann Kresnik e con Ushhio Amagatsu, l'artista giapponese dei Sankai Juku: esperienze diverse che si fondono con le sue radici afro-brasiliane.
Conosciuto in tutto il mondo, Ismael Ivo è stato artista ospite e solista in numerosi spettacoli tra cui : 
  • Phoenix 1985
  • Mars
  • Francis Bacon (considerato un successo del teatrodanza nel 1994
  • Othello 1995

Nel 1994 lavora con George Tabori scrittore sceneggiatore e regista di fama internazionale all'opera Moses und Aaron di Schoenberg. 
Per più di 15 anni è stato direttore artistico dell'International Tanzwochen Festival di Vienna. Nella stagione 1996/97 è stato invece direttore del settore danza e teatro del Deutsches Nationaltheater di Weimar con
  • The Brief History of Hell
  • Artaud nel 1997
  • Kuss im Rinnstein 
  • Michelangelo nel 1998. 

Nel 1999 ha inaugurato Weimar capitale europea della cultura con Mephisto. Sempre lo stesso anno ha coreografato e diretto :
  • Medea-Material tratto dal testo di Heiner Müller, che combinava attori e danzatori; 
  • Ariadne
  • The Funeral of the Big Mama

Infine un assolo da lui stesso interpretato dal titolo Dionysos. Contemporaneamente all'attività a Weimar, Ivo collabora di nuovo con il Theaterhaus di Stoccarda dove realizza insieme alla danzatrice Márcia Haydée Tristan und Isolde, dall'omonima opera di Wagner. La partnership con Márcia Haydée (anche lei brasiliana, étoile e già direttrice dello Stuttgarter Ballett, interprete straordinaria per John Cranko, KennethMacMillanMaurice BéjartJohn Neumeier) continua con Aura, una coreografia che realizzano per il Teatro Municipale di Rio de Janeiro, un omaggio a Miles Davis e Alvin Ailey premiato nell'ottobre 2000; e poi con un balletto per una compagnia di danza classica, l'Ankara State Ballet, Medea 2001.

Con la regia di Yoshi Oida (l'attore feticcio di Peter Brook) e con Koffi Koko come partner, Ismael Ivo realizza The Maids, dall'omonimo testo di Jean Genet, presentato nel marzo 2001. Con la regia di George Tabori, Márcia Haydée e Ismael Ivo hanno sviluppato una nuova forma di performance/spettacolo teatrale senza parole, "Edipo" di Sofocle. La prima è avvenuta al Berliner Ensemble nel settembre 2001. Nel novembre del 2001 ha partecipato alla serata di gala organizzata dallo Stuttgarter Ballett in omaggio a John Cranko presentando un duetto con Márcia Haydée.
Alla Biennale Danza 2002 ha presentato con grande successo un assolo dedicato al fotografo scomparso Robert Mapplethorpe, spettacolo che ha avuto una replica straordinaria per le numerosissime richieste del pubblico; sempre nel 2002, ha creato con Márcia Haydée uno spettacolo dedicato a Maria Callas, intitolandolo alla grande artista. 

Premi :

Labyrintos è la sua prima coreografia d'ensemble, che ha vinto il premio al Theaterhaus Stuttgart nel 1993.  
Nel 2005 Ismael Ivo ha ricevuto al Barbican di Londra il prestigioso Time Out Award for the most outstanding performance of the year con The Maids