Scarpe da Punta: consigli pratici

E' vero le punte sono un pò un cruccio per i ballerini e possono diventare una vera seccatura, almeno finchè non si trova il modello giusto e una volta trovato saranno necessari una serie di piccoli accorgimenti per prepararle nel modo più adeguato.
Esistono vari trattamenti prima e durante il loro utilizzo, ad esempio vengono ammorbidite in vari modi: a martellate (anche se detto così fa un pò effetto:-). Per indurire le suole vengono cosparse di colla, vengono tagliate, cucite e così via. Ma vediamo qualche consiglio pratico.

Preparare le punte per l'uso

Innanzitutto è bene ammorbidire sia il gesso che la suola, senza esagerare soprattutto se avete un piede con parecchio arco plantare (collo del piede).
Per cucire i nastri con precisione si piega la parte posteriore della scarpina (il tessuto) verso l’interno e dove finisce la piega è il punto giusto dove iniziare a cucire i nastri, su entrambi i lati. In questo modo quando li avvolgerete alla caviglia risulteranno perfetti, altrimenti si rischia di cucirne uno più avanti rispetto all’altro. Chi lo desidera può cucire anche un elastico per poter sorreggere meglio la scarpina ed evitare che fuoriesca il tallone.

Individuate sempre una parte destra e sinistra, perché le scarpine a prima vista sembrano uguali ma in realtà non lo sono, questo in modo tale da avere sempre un appoggio corretto sulla punta.
Chi ha parecchio collo del piede per sorreggersi meglio può cucire un elastico con uno spessore un po’ più alto appena alla fine della mascherina, questo aiuta moltissimo.

Per preservare le punte più a lungo

Rinforzate l’estremità esterna o con un cucitura tutto intorno alla base (operazione piuttosto lunga ma molto efficace) oppure semplicemente mettete uno strato di colla o di vernice per le unghie trasparente (Attenzione! Questo rimedio però rischia di farvi scivolare).
Quando le punte sono diventate troppo molli, mettetele nel refrigeratore. Il freddo, infatti, ha un effetto benefico sulle punte e le preserva più a lungo. Si può anche mettere all'interno una vernice speciale (tipo colla per legno), ma è meno pratico e più rischioso perchè quando c’è troppo caldo la vernice si scioglie e le punte non potranno più essere indossate.

In definitiva il consiglio migliore che mi sento di darvi è quello di "sperimentare". Del resto ognuno di noi ha una struttura anatomica del piede a se stante, per cui bisogna tentare e provare, se la cosa non funziona cambiare tentativo e riprovare. Fino a quando non avrete trovato, o avrete modellato per voi stessi la "scarpa giusta". :-)
Se avete altre domande da pormi o per saperne di più non esitate a contattarmi al seguente indirizzo email:


Un abbraccio e buona danza!

Laura Conti