La Tecnica Pilates 1° parte

Joseph Hubertus Pilates (1880-1967) era di gracile costituzione, con problemi di asma e rachitismo. Per questo motivo iniziò a praticare la ginnastica sviluppando tutta una serie di esercizi ben mirati al potenziamento fisico.
Dopo aver praticato diversi sport, quali body building, lo sci e il sub fu anche insegnante di autodifesa  personale per la scuola di polizia locale.
In seguito, grazie alle sue conoscenze dell'anatomia, decise di costruire una serie di macchinari adatti alla riabilitazione di persone che durante la guerra ebbero seri problemi fisici.
Portò così il suo straordinario metodo di “allenamento fisico e mentale”dalla Germania a New York negli anni venti.

Originariamente il Metodo Pilates era nato come una  ginnastica a corpo libero (matwork, lavoro al tappeto) ed in seguito ha visto l’introduzione di attrezzi specifici quali il reformer, la cadillac, la barrel, la step barrel e la chair.Al contrario di molti programmi di ginnastica, il Metodo Pilates segue con grande rigore dei principi basati su una precisa base filosofica e teorica.
Non si tratta di un semplice manuale di esercizi ma di un vero metodo che si è sviluppato e perfezionato in numerosi anni di sperimentazione e di osservazione.
Una delle caratteristiche più affascinanti è quella del rapporto personale con il proprio teacher (trainer): un trattamento individualizzato, tagliato su misura per le proprie esigenze e una grande attenzione agli aspetti psicologici che accompagnano sempre gli atteggiamenti posturali.
Un aspetto basilare  pensato da J.H. Pilates 70 anni fa e che oggi si dimostra attualissimo.
Lo scopo principale della tecnica è quello di rendere le persone consapevoli di se stesse, del proprio corpo e della propria mente; condurle ad unire corpo e mente in una singola e ben funzionante entità.
La mente di chi esegue gli esercizi della tecnica Pilates è diretta verso il corpo, concentrata su ciò che sta accadendo al fine di percepire esattamente come si sta muovendo il corpo.
Gli esercizi del metodo non comportano  una ripetizione esasperata finalizzata a sé stessa, ma attraverso una logica  conducono la mente a cooperare con il corpo alla ricerca comune del controllo, della precisione, della fluidità, dell’elasticità, dell’equilibrio e della concentrazione coordinati con la respirazione.
La persona che pratica gli esercizi del Metodo Pilates non è la spettatrice di sé stessa, ma partecipa attivamente con il corpo e con la mente a ciò che compie: “la cosa importante non è ciò che stai facendo, ma come stai eseguendo ciò che fai”, era solito dire J.H. Pilates. Il Metodo Pilates ha come scopo quello di portare l’individuo a muoversi con economia, grazia ed equilibrio.
I vantaggi della tecnica sono molto evidenti: armonia fisica e mentale, maggiore facilità nell’esecuzione dei movimenti (anche nella quotidianità), aumento della tonicità e della forza muscolare, incremento dell’agilità e della leggerezza del corpo, miglioramento nell’eleganza del portamento e nella postura in generale, buona proporzione delle forme, un buon controllo addominale-lombare per un buon equilibrio posturale, riallineamento del corpo, delle spalle, delle scapole e del bacino.
In questi ultimi anni inoltre anche il settore medico si è reso conto conto degli straordinari risultati ottenibili attraverso la tecnica, soprattutto  rivolto alle problematiche della colonna vertebrale.
Ciò ha portato a notevoli collaborazioni tra centri pilates, fisioterapisti, osteopati, fisiatra, ortopedici  capaci di agire sul problema mal di schiena in modo risolutivo.
Infatti, grazie al lavoro incentrato sulla postura, sulla respirazione diaframmatica, sulla corretta tonificazione addominale-lombare, sull’allineamento delle spalle e del bacino, sul lavoro  delle curve cervicali, dorsali e lombari, già dopo una decina di lezioni si possono raggiungere  ottimi miglioramenti sia posturali che di diminuzione del dolore.
Previene e corregge i difetti posturali dell’adolescenza, compensa la mancanza di movimento dell’età matura, è indicato per alleviare lo stress e per tornare in forma dopo la gravidanza. Aiuta a mantenersi in linea con la consapevolezza  del proprio equilibrio interiore ed esteriore ed anche chi pratica sport può trarne beneficio perché grazie al Metodo Pilates, aumenta la concentrazione, il rafforzamento della muscolatura e le prestazioni fisiche.
Fa estremamente bene anche a chi non ha mai seguito un programma di ginnastica e a chi desidera recuperare dopo un incidente.
Oggi molteplici atleti e danzatori hanno tratto enormi benefici attraverso questa tecnica.
Si racconta che lo stesso George Balanchine era solito recarsi dal M° Joseph per incrementare gli esercizi che lo aiutassero a sviluppare meglio la sua tonicità muscolare.