I crampi: cause e rimedi

medicina della danza
I crampi sono contrazioni muscolari improvvise ed involontarie che si manifestano con un dolore assai intenso e possono colpire sia in una fase di riposo, come durante il sonno, che durante l’attività fisica.
Durante la notte spesso si verificano per una diminuzione della circolazione sanguigna, dovuta a un abbassamento della temperatura corporea o all’assunzione di posizioni sbagliate.
Vediamo ora da quali altri fattori hanno origine....


I crampi possono manifestarsi sia per carenza di idratazione che per iperidratazione; per un uso di farmaci diuretici; per carenze e squilibri minerali, quindi in mancanza di magnesio, potassio e sodio.
I ballerini, come gli atleti in generale, sono soggetti ai crampi muscolari durante l’attività sportiva, soprattutto nel momento di maggiore sforzo, ad esempio durante una lezione, oppure quando si inizia la sbarra e non abbiamo ancora i muscoli ben riscaldati.
La comparsa della fatica muscolare che provoca quindi forti crampi, è dovuta generalmente alle caratteristiche fisiche del soggetto. Ognuno di noi ha una propria soglia di affaticamento, che viene determinata da predisposizioni genetiche e dal grado di allenamento e di esercizio. Tutto questo dipende dalla capacità individuale di fornire quantitativi ottimali di ossigeno alle cellule muscolari.
Ma perché la carenza di ossigeno nelle cellule porta all’affaticamento e quindi ai crampi muscolari?
Se l'apporto di ossigeno è scarso, l’acido piruvico rimane nello spazio delle cellule, e si trasforma in acido lattico, fino a quando non si ripristinano le condizioni normali di ossigenazione.
L’acido lattico rallenta le funzioni enzimatiche e la capacità di lavoro muscolare, favorendo così uno stato di contrazione del muscolo, stimolando le terminazioni nervose in esso presenti, dando origine così ai crampi muscolari e quindi a sensazione di dolore.
Vediamo ora cosa possiamo fare per prevenire l'insorgere di questo fastidioso disturbo.
Benchè non esistano cure specifiche, consigliamo sempre di effettuare un riscaldamento della durata di 15 – 20 minuti. Se durante questa fase avvertiamo l’insorgere di un crampo, la prima cosa da fare è massaggiare subito la parte dolorante, cercando di riscaldarla il più possibile. Dopo aver effettuato il massaggio, ove sia possibile, immergete la parte interessata in acqua calda.
Se il crampo ha colpito il piede sarà opportuno cercare di tirarlo verso di voi, eseguendo movimenti in avanti e indietro. Se invece è il polpaccio ad essere interessato, il rimedio è quello di mettersi in piedi e poggiare tutto il peso del corpo sulla parte in questione. Come altro trattamento consigliamo dei massaggi con creme antinfiammatorie.
Anche il tipo di alimentazione può aiutare a prevenire la formazione dei crampi, in particolare sarà opportuno assumere i seguenti alimenti: verdure a foglia verde scura, banane, latticini, pesce, prodotti a base di sesamo, uova. Insomma niente di particolare, se non queglia limenti che generalmente vengono consigliati per una corretta e sana alimentazione.


Buona Danza a tutti!
Laura Conti

Nessun commento: