La tecnica di Alvin Ailey


Alvin Ailey Dance Theatre in Revelations
L’originalità e la grande personalità di Alvin Ailey furono la base per la creazione di uno stile totalmente nuovo, che partiva dalla tecnica di Martha Graham fino a sperimentare una nuova forma di espressività.
Molti furono i successori di Martha Graham. Studiarono e si formarono con lei come danzatori, ed in seguito presero percorsi diversi partendo da quello stile che venne poi elaborato da vari punti di vista.
Un esempio da ricordare è di sicuro quello di Alvin Ailey, esponente molto importante di una seconda generazione di danzatori e coreografi moderni.
La sua originalità si è manifestata nel modo personale di interpretare la tecnica Graham, afferrandone cosi i principi basilari senza limitarsi a crearne un’imitazione che fosse solo formale, ma cercando sempre di riadattarla alla sua personalità.
Ailey fu il primo a infrangere quella barriera tra la nuova (e appena nata) danza moderna e il balletto classico, che aveva alle spalle una lunga tradizione. Egli rivoluzionò completamente quella sorta di antagonismo che si era venuto a creare tra questi due stili di danza, facendo in modo che i suoi danzatori si dedicassero sia allo studio di uno che dell’altro, in tal modo riuscì a sperimentare una grandissima varietà di stili che andavano dalla danza jazz fino alla danza africana.

Tenendo in considerazione lo studio della danza classica per i suoi ballerini, egli non voleva venir meno ai concetti della tecnica moderna...intendeva andare oltre.
Alvin Ailey ripercorse, come la Graham, l’uso e l’importanza del ritmo in tutte le sue forme, andando così dai colpi ritmici dei piedi sul suolo (tipici delle danze africane e tribali ), all’uso degli strumenti a percussione, il senso dello spazio e la dinamica del movimento, i ritmi frenetici e sincopati del jazz. Alvin volle dare importanza anche a ciò che poteva esprimere un movimento, che non fosse solo fine a se stesso. La danza doveva riuscire a portare un messaggio fondamentale.

Nel 1958 fondò la sua compagnia, l’Alvin Ailey Dance Theatre, formata solo da danzatori neri.
tecnica di danza modernaAiley cercò di elaborare una tecnica molto particolare, fondata sugli aspetti anche teatrali insieme all’utilizzo di musiche tratte dal repertorio jazz e classico, ma soprattutto basate sulla tradizione del popolo nero. La sua  danza è stata un meraviglioso connubio di colore, energia ed espressività. Il suo ruolo è stato sicuramente molto più importante per questi aspetti che non per quelli coreografici. Egli ha contribuito a far si che la danza divenisse una sorta di veicolo per la lotta verso le differenze culturali e razziali, affermando così le proprie radici e tradizioni. 


Dopo la sua morte, la direzione artistica fu affidata a Judith Jamison che potè continuare la sua opera introducendo sempre di più coreografi del nostro tempo, ben lontani dalla danza afro- americana. Tra questi possiamo trovare David Parsons, Karole Armitage e Hans Van Manen.

Altri articoli che potrebbero interessarti:
Biografia di Alvin Ailey
La Tecnica di Matrha Graham
Biografia di Martha Graham