La Vivandiere

I grandi balletti
Il balletto Vivandiere è composto da un solo atto su musica di Cesare Pugni. Le coreografie vennero affidate a Arthur Saint-Léon. Scenografia.
La prima rappresentazione del balletto andò in scena il 23 Maggio del 1844 a Londra e gli interpreti principali furono Arthur Saaint – Lèon e Fanny Cerrito.
Il balletto ebbe già una sua prima rappresentazione a Roma nel 1843 e si intitolava La Vivandiera e il postiglione. Le coreografie erano sempre di Saint-Lèon mentre le musiche furono scritte da Enrico Roland.

 Successivamente ci furono altre rappresentazioni del balletto in Germania il 26 Marzo del 1846 con il titolo di Marketenderin und der Postillon che andò in scena al Teatro Reale di Berlino e poi anche in Francia all'Opéra di Parigi nell'Ottobre del 1848. Sempre a Parigi il coreografo Jules Perrot portò una nuova versione del balletto che avvenne il 20 Ottobre del 1945 sempre all'Opéra di Parigi e poi il 13 Dicembre del 1855 rappresentò il balletto al Teatro Imperiale di S. Pietroburgo danzando accanto a Maria Surovshchikova-Petipa.
Marius Petipa riprese successivamente la coreografia di Perrot e decise di mandarla in scena il 24 Settembre del 1861, mentre l'8 Ottobre del 1881 ribattezzò il balletto intitolandolo Markitenka.
Anche Lev Ivanov portò una sua versione del balletto a S. Pietroburgo il 4 Febbraio del 1901.
I grandi ballettiArthur Saint- Lèon propose il famoso Pas de six annotandolo nel suo metodo che venne pubblicato a Parigi nel 1848 con il titolo La Sténochoréographie. Pierre Lacotte insieme all'esperta di dance notation Ann Hutchinson-Guest ricostruirono il Pas de six nel 1975 e poi nel 1976 fu presentato all'Opéra Comique di Parigi per il balletto dell'Opéra, mentre nel 1978 venne rappresentato a S. Pietroburgo per il Balletto del Kirov che ancora oggi viene mantenuto nel repertorio. Oggi questo famoso brano viene rappresentato da diverse compagnie in tutto il mondo. Il balletto si svolge in un villaggio dell'Ungheria e narra la storia d'amore tra la vivandiera Kathi e Hans il figlio di un oste. I due ragazzi andranno incontro a varie peripezie per riuscire finalmente a sposarsi suscitando le gelosie sia del borgomastro che del barone entrambi innamorati di Kathi.