La Compagnia di Virgilio Sieni

Compagnie, danza, danza contemporanea
La Compagnia di Virgilio Sieni in scena da oltre venticinque anni è considerata una realtà tra le più importanti del panorama ballettistico contemporaneo. Questo gruppo è sostenuto dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Regione Toscana, Comune di Firenze.
La Compagnia nel corso del tempo ha sviluppato un progetto artistico che ha portato il gruppo ad affermarsi sia in campo nazionale che internazionale, grazie alla partecipazione di importanti coproduzioni con diversi Teatri e Festival europei.
Nello spazio Cango a Firenze, Virgilio Sieni ha stabilito la residenza della Compagnia durante tutto l’anno lavorando con i suoi danzatori per le creazioni di nuove coreografie. Inoltre il lavoro della compagnia è in costante evoluzione e spesso vengono organizzati incontri con antropologi, filosofi, storici e artisti in grado di arricchire il pubblico con nuovi stimoli. La Compagnia svolge all’interno dei suoi spazi anche delle prove aperte al pubblico dando così la possibilità di poter assistere alla creazione di un lavoro coreografico. Citiamo alcune delle coreografie come Osso, La natura delle cose tratto dal De rerum natura di Lucrezio che ha visto una collaborazione con il filosofo Giorgio Agamben per la parte drammaturgica, Solo Goldberg Improvisation, Tristi tropici, De Anima ispirato ad grande Aristotele. Questi sono solo alcuni dei lavori più significativi della Compagnia. Sieni inoltre si è avvalso della collaborazione di alcuni musicisti e artisti visivi per dare maggior slancio alle sue creazioni coreografiche, infatti nel 2007 crea lo spettacolo Sonate Bach dove vince il premio Danza e Danza per aver portato in scena uno dei lavori più innovativi, comparendo anche nel libro di Marinella Guattarini dal titolo ABC della danza, testo dedicato alle 16 coreografie più importanti e originali di questi ultimi cento anni. In seguito nel 2012 Sieni si aggiudica un altro premio Danza e danza per la coreografia Kore, la ragazza indicibile. La giuria lo ha decretato.