Il ginocchio

ginocchio,medicina,salute,sport
Il ginocchio è formato da due parti, la parte anteriore chiamata rotulea e quella posteriore chiamata poplitea. L’articolazione del ginocchio viene considerata una delle più importanti del nostro corpo. Essa è formata da una vasta struttura legamentosa. Uno dei movimenti principali del ginocchio è la flesso estensione, cioè quella capacità di avvicinare o allontanare l’arto, ma il ginocchio consente anche un altro movimento importante che è la rotazione sull’asse longitudinale della gamba.
Questa articolazione riesce quindi ad avere una forte stabilità nel momento dell’estensione completa, cioè quando il ginocchio viene sottoposto a sforzi, ma anche  nella  mobilità necessaria a supportare  per esempio una corsa .
L'articolazione del ginocchio viene composta da una struttura ossea, da un apparato capsulo legamentoso, e da tessuti di cartilagine che facilitano il movimento. Per struttura ossea si intende la parte del femore, la tibia e la rotula, mentre l'apparato capsulo legamentoso è formato da una capsula articolare, ovvero un manicotto fibroso che ricopre l'articolazione, da due menischi, due legamenti collaterali e due legamenti crociati. Troviamo poi una membrana chiamata sinoviale, essa  ricopre tutta la superficie della capsula, la quale produce un liquido denso che è in grado di lubrificare  e nutrire l’articolazione.
La rotula, è invece un osso piatto e circolare posto nella parte anteriore del ginocchio che protegge il femore Questo è molto importante per poter stendere la gamba, infatti questo movimento permette di dare forza dal muscolo quadricipite femorale fino alla tibia. Inoltre la rotula è rivestita da un paio di millimetri di cartilagine.
Il ginocchio ha due menischi che si collegano alla capsula articolare mediante due legamenti. Uno si trova sulla parte anteriore e si chiama legamento trasverso, l’altro invece è posteriore e viene chiamato legamento del menisco laterale. I menischi proteggono la cartilagine articolare da continue sollecitazioni e stabilizzano l’articolazione.
Poi troviamo i legamenti così detti collaterali. Essi sono due: tibiale e peroneo, sono posti lateralmente al ginocchio e contribuiscono alla stabilità laterale dell’articolazione.

Anche i legamenti crociati sono due, abbiamo quello anteriore e posteriore che collegano la tibia e il femore e sono posti obliquamente sia dall’altro verso il basso e viceversa, e anche  nella parte medio laterale. Essi si trovano all’interno della capsula  e vengono appunto chiamati crociati proprio perché vanno ad incontrarsi verso il centro del ginocchio. Il principale compito dei legamenti crociati consiste nello stabilizzare l’articolazione durante la rotazione sull’asse, evitando così di far slittare la parte anteriore o posteriore della tibia nel momento della flessione dell’articolazione come ad esempio quando si percorre una salita o una discesa. Ogni parte del ginocchio può essere soggetta a rottura o lesione parziale. Le lesioni più comuni sono di sicuro quelle che riguardano i menischi, i legamenti, la rotula e le parti articolari. Generalmente un trauma come una distorsione spesso è legato ad attività sportive, ma possono verificarsi anche dei casi in cui si manifesta debolezza riguardante la struttura del ginocchio. Le  tendiniti in genere vengono considerate come patologie frequenti in chi abitualmente esercita attività sportive ( come la ginnastica, la danza ecc). Esse si manifestano come tendinite di tipo rotuleo, o tendinite di tipo muscolare che può colpire ad esempio il muscolo quadricipite. Altre patologie possono  riguardare i legamenti e le lesioni dei menischi, o lesioni di cartilagine articolare, l’artrite reumatoide e l’artrosi.
In ogni caso io vi consiglio sempre  di consultare un bravo specialista che saprà valutare attentamente ogni tipo di problematica che riscontrerete.

Nessun commento:

Posta un commento